Archivi tag: frati

To be a student: a scuola controcorrente

di Lorenzo e Silvia di Imola
Liceo scientifico Rambaldi-Valeriani

Andare a scuola non è semplice, nessuno può affermare il contrario, ma sono certo che ci si possa andare con uno spirito nuovo, originale, oserei dire: controcorrente!

E’ il caso di Silvia, una ragazza della mia diocesi, Imola. Probabilmente non ci pensava nemmeno che potesse esistere uno stile diverso per affrontare la scuola! Poi, un capodanno dai frati minori ad Assisi e un campo regionale per studenti hanno cambiato la sua visione delle cose.

Al rientro dalla pausa natalizia, Silvia ha pubblicato su Facebook questo post:
«È vero, la scuola è riiniziata e con lei la solita sveglia delle 6.30, delle 6.45 e delle 6.50, il solito freddo cane quando ti togli il meraviglioso e caldissimo piumone di dosso, il caffè più lungo che riesci a farti, il solito e adorato bus che se sei puntuale passa dopo secoli e se sei leggermente in ritardo fisso che lo perdi, l’arrivo a scuola e le solite facce traumatizzate dei tuoi amici, le 5/6 ore che ‘aiuto, uccidetemi, ORA!’.

Tutto è ricominciato, ma sento che ora è diverso. Ho passato le vacanze di Natale più belle che potessi mai passare e credo di essere cresciuta più in questi 14 giorni che in un anno intero. Ho vissuto esperienze che…meno male che le ho vissute! Quelle esperienze che prima sei così e dopo sei un’altra persona, che ti cambiano la vita radicalmente. E ho capito che alzarsi la mattina arrabbiati col mondo perché esiste la scuola e arrivare a scuola che “guai se mi chiedi se ho studiato diritto perché è la volta buona che ti picchio”, non porta da nessuna parte! Ti rovina la giornata e bona! Perché tanto a scuola ci vai lo stesso e la verifica la fai lo stesso.

Noi non andiamo a scuola per il voto, non ci andiamo per sapere che in fisica siamo degli impediti e in inglese pure, ma ci andiamo perché un minimo dobbiamo capire da che parte è girato ‘sto mondo, cosa c’è stato e cosa ci sarà, dobbiamo viverci qui e dobbiamo conoscerlo come se fosse casa nostra, perché è casa nostra! E il voto, per quanto possa essere fondamentale, alla fine non ti dà nulla perché la vita non è un numero. Non dobbiamo accontentarci del minimo, cerchiamo di puntare in alto che di certo dà molte più soddisfazioni e sorrisi!»

Silvia ha iniziato così a vivere la scuola, piuttosto che subirla. Mi sembra allora che “To be a student” sia sempre più una “mission possible”…altro che “impossible”!!!