Archivi tag: giovani

Che ora è?

«Che ora è?» E’ una domanda estremamente banale, forse la più superficiale, ma ogni tanto chiedere per l’appunto «che ora è?» rinnova in ognuno di noi un ammonimento sempre attuale: non si può perdere il senso della realtà. Certamente questo antico adagio gode di ampia fortuna, ma nel campo dell’educazione assume un significato tutto particolare e decisamente importante. Allora, domandare «che ora è?» non significa solamente raccogliere la smania di definire i protagonisti (nel nostro caso le nuove generazioni) di questo tempo; si tratta, invece, di afferrare il senso profondo del loro agire per capirne i sogni e i desideri, le speranze e le angosce.

Come si fa ad afferrare il senso dell’agire dei ragazzi di oggi? Probabilmente l’espressione «afferrare» si adatta meglio a questa epoca e penetra con maggiore intensità fra le pieghe delle questioni. «Afferrare», infatti, esprime un «giungere con fatica a comprendere»; dipinge un’impresa che provoca fatica e sacrificio. Però, se dovessimo rappresentare icasticamente questo sforzo, ci accorgeremmo che questo compito non deriva solamente dalla complessità dei fenomeni, ma, stuzzicati nella nostra immaginazione, ci lasceremmo proiettare verso il concetto di velocità. Ecco, la velocità è la grande questione del nostro tempo, in particolare in ambito educativo. La «velocità», dunque, non è solamente una variabile o una comodità, ma rappresenta oggi un’insidia antropologica perché ammicca all’uomo del Terzo millennio, offrendo l’opportunità di non fare memoria, di non dare consequenzialità agli istanti che vive, di alleggerire la pesantezza dei legami. Investe, perciò, non solamente l’ambito culturale, ma invade la sfera affettiva, personale e spirituale. In conclusione, la «velocità» non ha a che fare solamente con l’organizzazione produttiva, ma inerisce le dinamiche relazionali ed emotive; insomma, la «velocità» caratterizza il modus vivendi di tanti giovani. E siccome i giovani e la Scuola stanno a cuore alla Chiesa, questi temi meritano un significativo approfondimento.